Accoglienza sì, ma con raziocinio

Martedì scorso i ministri dell’Interno, degli Esteri, della Salute e delle Infrastrutture hanno firmato un provvedimento che, seppure in via temporanea, dichiara l’Italia porto “non sicuro” per le navi che fanno salvataggi in mare. Come è ovvio, il discorso può essere invertito, perché non c’è alcun

Apri l’articolo completo