Coronavirus e un decreto da 123 mila parole. Ossia: 13 volte la Costituzione

La babele dei documenti per fronteggiare il virus: ci si perde nel continuo richiamo ad altre leggi. Quante eccezioni: ricorre 131 volte la parola «deroga»

Apri l’articolo completo