Cosa cambia per l’Italia se la Commissione sceglie di attivare la clausola di fuga

Roma. Certe volte, più del sostegno degli alleati, conta la non ostilità dei nemici. E così, quando venerdì scorso hanno sentito dire dal lettone Valdis Dombrovskis che sì, “la Commissione è pronta ad attivare la clausola di fuga”, i ministri Enzo Amendola e Roberto Gualtieri hanno tirato un sospiro

Apri l’articolo completo