Covid, oltre 200 esposti e denunce contro il governo: ecco da dove arrivano

L’avvocato Taormina: “Procura sconcertante” “Avevo comunicato che gli atti erano stati trasmessi al tribunale dei ministri per mia denunzia contro Conte e Speranza”, ha commentato l’avvocato Carlo Taormina su Twitter. “La sconcertante novità è che la procura li ha trasmessi dicendo di archiviare. Il tribunale invece è autonomo e l’unico investito di ogni potere. Voglio chiarire che non accuso i medici per i morti ammazzati. Sono morti che si sarebbero evitati se governo e regioni avessero chiuso tutto il 31 gennaio e ribadisco che si è trattato di morti orrende”.

 

Gli esposti del Codacons Contro l’esecutivo si era mosso anche il Codacons. Il 9 aprile, si legge in una nota dell’Associazione dei consumatori, venne depositata una “denuncia in cui, sulla mancata istituzione della zona rossa a Nembro e Alzano Lombardo”, il Codacons chiedeva alla procura di “predisporre tutti i controlli necessari ad accertare eventuali responsabilità e fattispecie penalmente rilevanti”. In un altro esposto, invece, si chiedeva alla magistratura di “verificare eventuali ritardi da parte della P.a. sul fronte delle misure anti-Covid”.

 

 

Ad aprile l’esposto per i morti nelle Rsa Sempre ad aprile, in un nuovo esposto presentato a 104 procure di tutta Italia, “il Codacons denunciava il governo per i numerosi decessi registrati all’interno delle Rsa”.  “Ora tutti i cittadini che hanno subito danni a causa dei reati per cui indaga la procura di Roma – conclude la nota – potranno costituirsi parti offese e chiedere un risarcimento. In tal senso il Codacons sta preparando un apposito modulo che sarà pubblicato sul sito dell’associazione”. 

 

Le accuse all’esecutivo Di fatto sono due i filoni che legano gli esposti: da una parte c’è chi denuncia che il governo ha fatto troppo poco nella lotta al virus e in questo caso si ipotizzano i reati di epidemia colposa, omicidio colposo e delitti colposi contro la salute pubblica. Nel secondo filone sono stati inseriti gli esposti in cui si afferma che il lockdown è stata una misura sproporzionata rispetto alla situazione ipotizzando i reati di abuso d’ufficio e attentato contro i diritti politici del cittadino.

Apri l’articolo completo