“Gabbie salariali Nord-Sud”, polemica bipartisan sulle parole di Sala | Da M5s a Fdi: “I lavoratori hanno pari dignità”

La prima bocciatura a quella frase, pronunciata durante una diretta Facebook su giovani e lavoro, è arrivata dal ministro della Coesione territoriale Giuseppe Provenzano, che ha definito quella sulle gabbie salariali una “discussione arcaica”. Intervenendo alla conferenza Pd di Napoli, senza nominare Sala, Provezano ha detto: “Come facciamo a valutare la produttività di un lavoratore di Scampia oppure di un quartiere di Palermo, senza servizi? Questo lavoratore dovrebbe essere pagato il doppio per la socialità del suo lavoro”.

Un secco no alla proposta arriva anche dal ministro per gli Affari europei Enzo Amendola (Pd), che spiega: “Non voglio polemizzare con Sala, ma il problema non è quello delle gabbie salariali”. E chiarisce: “La proposta che ho letto non è una scelta condivisa, non solo dalla politica, ma dai sindacati. La Pubblica amministrazione deve essere trasformata, e con il decreto semplificazioni stiamo lavorando per eliminarli i ritardi, le burocrazie, ma è una responsabilità nazionale, non delle singole parti del Paese”.

 

L’idea non piace neanche al senatore di Italia Viva Ernesto Magorno. “Spiace leggere queste dichiarazine del sindaco di Milano – dice -. I lavoratori calabresi hanno pari dignità di quelli lombardi e di tutti i lavoratori del Nord. E’ davvero senza senso alimentare certe contrapposizioni: solo uniti riusciremo a superare questa difficile fase”. 

 

 

Apri l’articolo completo