Il vento del No rinfresca il mondo antipopulista, vedremo se soffierà anche sul Pd

Può sembrare lunare ma nel Pd la discussione è tornata al punto di partenza come in un gioco dell’oca nel quale i dadi siano impazziti: e cioè alla mitica vocazione maggioritaria. Improvvisamente stanno riaffiorando con chiarezza le solite due linee: partito largo e in grado di riassumere in sé tutte le tendenze del centrosinistra italiano o partito più identitario e proteso alle alleanze com altri soggetti. Quest’ultima è la linea di Goffredo Bettini e Dario Franceschini, la prima è stata rilanciata da Stefano Bonaccini. Un po’ sbrigativamente si potrebbe dire che siamo ancora a Veltroni contro D’Alema.

In mezzo c’è un segretario come Nicola Zingaretti in bilico fra le due posizioni e che pare piuttosto stanco di dibattiti di questo tipo mentre il Paese ha ben altro da pensare (di qui la ricorrente sua tentazione di trasferirsi a Palazzo Chigi come vicepremier), un segretario che probabilmente subisce un andazzo non proprio gradito, quello di un partito troppo basato su interessi di gruppo.

I dirigenti si mostrano sempre infastiditi dalle critiche, ma l’impressione generale è che il Pd non faccia nulla per puntare a una percentuale più seria di quel 20 per cento cui è inchiodato da due anni. Infatti, teorizzare un «attacco a tre punte»(Bettini), cioè la famosa alleanza strategica Pd-M5s più i riformisti che Renzi dovrebbe guidare, implica esattamente la rinuncia del Nazareno a costituire, lui direttamente, il grande partito riformista e di sinistra in grado di competere con una destra che peraltro Matteo Salvini sta picconando ogni giorno.

Bonaccini ha detto che nel partito dovrebbero stare anche Renzi e Bersani. Al netto dei nomi, effettivamente ingombranti e che peraltro non sembrano aver voglia di smontare le loro casette, il punto riguarda la conquista degli elettori «che se ne sono andati» (così ha detto il governatore dell’Emilia-Romagna) e l’identificazione del Pd come partito aperto.

Qualcosa si sta muovendo. La crescita del No al referendum grillino sul taglio dei parlamentari è anche dovuta ad un ritrovarsi di spezzoni della sinistra più o meno storica sin qui dispersi e isolati; non solo, ma anche in grado di dialogare con speculari pezzi di una nuova sensibilità di sinistra millennial e post-populista (Sardine, Elly Schlein, nuove istanze verdi); e infine al ritrovato protagonismo di liberal e riformisti. Un moto che fa sì che nel Pd convergano sul No esponenti della sinistra come Gianni Cuperlo e riformisti come Giorgio Gori.

In questo contesto di battaglia politica sembrano avvicinarsi personalità finora distanti e moltiplicarsi le iniziative: Matteo Renzi e Carlo Calenda insieme a Bari a sostegno di Ivan Scalfarotto; la manifestazione di Santi Apostoli a Roma; quella del 18 a Milano con un parterre che sembra il groppo dirigente del riformismo italiano (da Marco Bentivogli a Carlo Cottarelli, da Giorgio Gori a Tommaso Nannicini, da Emma Bonino a Carlo Calenda); fino agli importanti colloqui informali che ci sono stati e ci saranno dopo il voto fra i più noti di quelli che abbiamo citato.

Insomma, il vento del No, qualunque sarà l’esito del referendum, potrà rinfrescare l’aria pesante che da tempo toglie il respiro al centrosinistra italiano. E se saprà soffiare anche sulla montagna incantata di via del Nazareno aiutandone l’evoluzione da bunker a grande tenda del riformismo allora la partita con la destra potrà riaprirsi.

L’articolo Il vento del No rinfresca il mondo antipopulista, vedremo se soffierà anche sul Pd proviene da Linkiesta.it.

Apri l’articolo completo