Nel disastro del 2020, spunta un raggio di sole: i Cinquestelle non esistono più

Le battute sul 2020 hanno stancato almeno quanto il 2020 e in effetti mancava solo l’Asl di Napoli tipo Tar del Lazio o procura di Trani o Codacons a completare il quadro di un’Italia allo sbando, già provata dall’essere guidata da statisti del calibro di Giuseppe Conte e Rocco Casalino. Un paese che semmai dovrebbe prendersela con il 2001, l’anno in cui per inseguire la Lega di allora è stata approvata la riforma del titolo V della Costituzione che ha infelicemente delegato la gestione dei servizi sanitari alle Regioni, con i risultati che abbiamo visto durante la pandemia e stiamo continuando a vedere sui campi di calcio e nei bar dello sport.

Eppure in questo scorcio finale dell’anno orribile si sta concretizzando almeno una buona notizia: l’implosione del progetto eversivo dei Cinquestelle, pochi giorni dopo la loro grande vittoria referendaria contro la politica e il Parlamento. 

Casaleggio e Di Battista hanno rotto con Di Maio e il resto del personale politico grillino, minacciando di fornire i servigi di Rousseau ad altri fessi ancora da individuare magari tra i percettori del reddito di ignoranza. Il grottesco comitato di garanzia del partito-movimento ha risposto al patron dei Cinquestelle spiegando che le accuse di Casaleggio sono «un’iniziativa personale e arbitraria» come se il loro dante causa fosse un tizio che passava lì per caso. A questo punto manca solo Beppe Grillo, per le comiche finali. 

Comunque vada a finire la lotta intestina per spartirsi le briciole di potere grillino nella prossima legislatura, una cosa è certa: i Cinquestelle non esistono più, sono l’equivalente politico dei navigator, non esistono, andranno a scadenza naturale, come lo yogurt, e come lo yogurt andranno riposti nell’umido. 

Va riconosciuto che un po’ è merito, forse involontario, del Pd alleato strategico, al cui fianco come d’incanto i piccoli masanielli grillini si sono trasformati in piccoli Roberto Speranza.

Occhio però adesso a non rianimarli. La strada per cancellarli dalla biografia della nazione è quella di mettersi finalmente a guidare la maggioranza di governo da persone adulte e di esercitare un’egemonia politica su Giuseppe Conte, come aveva fatto Salvini con il primo Conte ma stavolta senza decreti sicurezza (e, in prospettiva, anche senza Conte).

L’articolo Nel disastro del 2020, spunta un raggio di sole: i Cinquestelle non esistono più proviene da Linkiesta.it.

Apri l’articolo completo