Open Arms, il Senato autorizza il processo a Salvini | Il leader leghista: “Vado avanti a testa alta”

“Ho difeso l’Italia” – Immediata la reazione del leader leghista. “Contro di me festeggiano i Palamara, i vigliacchi, gli scafisti e chi ha preferito la poltrona alla dignità Sono orgoglioso di aver difeso l’Italia: lo rifarei e lo rifarò, anche perché solo in questo luglio gli sbarchi sono sei volte quelli dello stesso periodo di un anno fa, con la Lega al governo. Vado avanti, a testa alta e con la coscienza pulita, guarderò tranquillo i miei figli negli occhi perché ho fatto il mio dovere con determinazione e buonsenso”, ha detto.

 

La citazione di Einaudi – “Mi tengo stretto l’articolo 52 della Costituzione (“la difesa della Patria è sacro dovere del cittadino”) e ricordo le parole di Luigi Einaudi: ‘quando la politica entra nella giustizia, la giustizia esce dalla finestra’. Non ho paura, non mi farò intimidire e non mi faranno tacere: ricordo che per tutti i parlamentari, presto o tardi, arriverà il giudizio degli elettori”, ha aggiunto Salvini. 

 

La vicenda Open Arms – La vicenda risale all’epoca in cui Salvini era ministro dell’Interno del primo governo Conte, quello guidato dall’intesa Lega-M5s. Tra l’1 e il 20 agosto 2019, la nave spagnola Open Arms rimase per 19 giorni in attesa di un porto in cui sbarcare. Porto che l’Italia e Malta avevano negato. Quando poi la nave si avvicinò a Lampedusa entrando in acque italiane fu il pm di Agrigento Luigi Patronaggio a salire a bordo con due medici e a constatare una situazione sanitaria insostenibile. La nave fu sequestrata e i 160 migranti a bordo fatto sbarcare. Da lì partì la volontà del pm di indagare eventuali omissioni da parte dei pubblici ufficiali. 

 

 

Il precedente della Diciotti – Nel 2019 il Senato, tra cui il M5s, negò l’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per il caso della nave Diciotti (risalente all’estate 2018). La linea fu quella secondo cui la scelta di non far sbarcare oltre 170 migranti tratti in salvo dalla nave militare italiana per circa una settimana era stata una scelta politica governativa e, come tale, non sindacabile. In ogni caso, secondo quella linea, non si trattò dell’abuso di un ministro per ottenere un personale vantaggio politico.

 

Apri l’articolo completo