Ora che la sindaca di Roma si ricandida che ne sarà dell’Alleanza strategica?

Virginia Raggi si ricandida a sindaco di Roma. Evviva. Notizia migliore per Milano non poteva esserci. Ma a parte le battute, e registrata la fine del principio grillino di due-elezioni-e-poi-a-casa o forse è passata la surreale linea che si comincia a contare da zero, che ne è della fantasmagorica «alleanza strategica» tra Pd e Cinquestelle?

Cioè che farà adesso il Partito democratico a Roma? Sosterrà Virginia e i suoi bus in fiamme esattamente come sostiene Giuseppi al governo nazionale e i suoi dpcm per provare a fermare la marcia su Roma di Giorgia e Matteo, così come ha fermato (o perlomeno ritardato) quella cominciata lo scorso agosto al Papeete, oppure presenterà un suo candidato sindaco perché va-bene-tutto-ma-Raggi-non-si-può, come se Casalino e Bonafede e Di Maio fossero meglio, ma col rischio serio di regalare la capitale ai fascisti (che gli amici del Pd nelle chat più precisamente definiscono «nazisti»)?

Dilemma cornuto, come si dice: fermiamo i nazisti o evitare una figuraccia a Roma val bene un’orbace?

La teoria dell’alleanza strategica dovrebbe valere anche per Roma, visto il valore simbolico della città capitale d’Italia, oppure non ha alcun senso logico e politico anche per tempi come questi dove non esiste più nulla di razionale.

Se Meloni e Salvini sono un pericolo per la democrazia, e lo sono, gli intendenti del Pd dovrebbero scattare sull’attenti a  spiegare sui social che dopo i decreti dignità, la quota cento, il reddito di cittadinanza, il giustizialismo, la Casaleggio Associati, i soldi distribuiti a pioggia, Conte e Casalino eroi fulgidissimi del progressismo contemporaneo e la mutilazione del Parlamento la nuova linea della resistenza non può che essere Virginia Raggi. Oppure l’intera costruzione della teoria dell’alleanza strategica si basa su un ragionamento fallace.

La speranza è che il Pd possa ancora uscire da questa sindrome di Stoccolma in cui si è cacciato in modo che sul referendum e su Roma, archiviata la resa sui decreti sicurezza e sulla prescrizione, faccia prevalere un residuo di autostima e di senno per liberarsi dal giogo del grillismo più platealmente becero e fallimentare.

Un candidato democratico sindaco subito, quindi. Ma a patto che non sia una finta, ovvero a condizione che la scelta non ricada su un povero cristo chiamato a condurre una campagna amichevole, una specie di desistenza non dichiarata alla Raggi in vista di un secondo turno cui probabilmente non si arriverà mai perché, a quel punto, ditemi quale cittadino romano populista o antipopulista non si precipiterà a votare di corsa il candidato di Giorgia e di Matteo pur di evitare il rischio che sulla Capitale si abbatta una seconda ondata Raggi?

L’articolo Ora che la sindaca di Roma si ricandida che ne sarà dell’Alleanza strategica? proviene da Linkiesta.it.

Apri l’articolo completo