Presunti fondi Venezuela al M5s, Renzi: si indaghi come soldi russi alla Lega

“La mia opinione è che le idiozie che i 5 Stelle dicevano sul Venezuela secondo me le dicevano gratis, o almeno lo spero davvero che non ci sia niente, anzi visto che sono un patriottico e prima di essere di uno schieramento politico sono un italiano, spero che sia tutto falso e che come hanno detto loro siano solo delle fake news”, ha spiegato Renzi.

 

Presidio di Forza Italia Giovani davanti all’ambasciata venezuelana Una delegazione di Forza Italia, composta dal vicepresidente del partito Antonio Tajani e da diversi parlamentari, ha partecipato a un presidio organizzato da Forza Italia Giovani Roma, davanti all`ambasciata venezuelana per chiedere sia fatta chiarezza sulla politica estera del governo italiano, sull’eventuale sostegno a regimi autoritari come quelli guidati in Venezuela da Chávez e Maduro e sulle recenti notizie di stampa relative a presunti finanziamenti di questi regimi al Movimento 5 Stelle.

 

“Il Movimento 5 Stelle è il partito di maggioranza relativa e lo era anche con il governo Conte I – ha dichiarato Antonio Tajani – ovvero la prima forza politica di quegli esecutivi che hanno impedito all`Italia di riconoscere Juan Guaidó come presidente ad interim della Repubblica del Venezuela. C’è un problema politico molto grave che deve essere chiarito. La nostra politica estera è libera o è condizionata da altri? Questa è la domanda che noi poniamo chiedendo verità, vogliamo venga fatta chiarezza perché dobbiamo avere una politica estera molto chiara, su questo non possono esserci discussioni: l`Italia è dalla parte dell`occidente, degli Stati Uniti e non della Cina, siamo per la sicurezza di Israele e contro le minacce iraniane e i tentativi del regime cubano di limitare la libertà”.

 

Toti: “Soldi dal Venezuela? Spero non sia vero, accuse vanno provate” “Non so se l’accusa al Movimento 5 Stelle di aver preso 3,5 milioni di euro dal governo del Venezuela sia vera. Certo la difesa strenua del dittatore Maduro da parte dei grillini ha imbarazzato tutti e isolato l’Italia in Europa e nel mondo. Rendendo verosimile anche l’insinuazione. A differenza loro però, per me un’accusa va provata, le garanzie sono una cosa seria e valgono soprattutto per gli avversari, non solo per gli amici. Vorrei solo che si vergognassero un po’. E non per quell’accusa, ma per il pensiero di come si sarebbero comportati loro se fosse accaduto a qualcun altro: illazioni, sospetti, calunnie”.

Apri l’articolo completo