Sulla legge elettorale Zinga mette nei guai il suo Pd

Ci sono momenti in cui il senso della giornata può essere sintetizzato anche così, in un sorriso esibito in Transatlantico. E alle sette della sera, quando Ettore Rosato s’affaccia nel cortile di Montecitorio, il suo sorriso sta a indicare che no, l’imboscata che Nicola Zingaretti voleva tendere, lu

Apri l’articolo completo